News, Top, Università

Laureati in Fisica: meno astratti di quello che si possa pensare

Fisica: una laurea che sembrerebbe non aver uno sbocco nel mondo aziendale, e che invece rivela non poche sorprese.

Questo è quello che afferma Marzia Pittoni, Direttore Generale di Future Manager Recruitment: “I nostri recruiter hanno incontrato diversi laureati e dottorati in fisica che ci hanno fatto riflettere su quanto questa laurea può trovare un’applicazione concreta nel mercato del lavoro”.
Soprattutto nel caso in cui venga scelto un corso di fisica applicata a uno specifico settore.


“Il più classico degli sbocchi professionali dei laureati in fisica – continua Pittoni – è all’interno della ricerca e sviluppo: salta alla mente il caso di un candidato recentemente incontrato che ha studiato fisica applicata al settore optoelettronico, e che quindi ha approfondito le proprie competenze nello studio dei circuiti elettronici e dei sensori”.

Anche il settore Oil & Gas può essere interessato dai fisici, soprattutto da quelli che hanno studiato la meccanica dei fluidi, e che si sono specializzati in materie a metà tra il fisico ed il geofisico. Questi laureati studiano dove fare trivellazioni e come gestire perforazioni per estrapolare al meglio il petrolio.

Non ultimo, i laureati in fisica possono facilmente occuparsi di analisi del rischio per assicurazioni e banche. Queste aree si occupano di ricerca, sviluppo e implementazione di modelli matematici e tecnologie per i prodotti finanziari o assicurativi, rami molto affini alla forma mentis e alle capacità di analisi proprie di un fisico.

Cari studenti in fisica, lo avreste mai pensato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.