Manager & Imprenditori: storie di successo, News

Leicester City Football Club: sognare è lecito, crederci è un dovere

Leicester

 

Nella serata di ieri, grazie al pareggio del Tottenham in trasferta contro il Chelsea (2-2), il Leicester si è aggiudicato il titolo di campione d’Inghilterra per la prima volta nella sua storia.

 

Al di là del fatto che il nostro portale non si occupi essenzialmente di sport e di calcio, i significati che stanno alla base di questo successo sono molto più profondi di quanto si possa credere, rappresentando un’esperienza di vita accostabile ad ognuno di noi.

 

Il Leicester City Football Club veicola una favola degna del miglior capolavoro della Walt Disney.

 

Tanto per cominciare, una squadra povera ed umile deve fare i conti con le grandi multinazionali inglesi, pronte a spendere cifre inimmaginabili per creare una squadra vincente. L’obiettivo stagionale è il medesimo della stagione precedente: godersi la Premier e sperare nella salvezza.

 

Dell’allenatore, poi, non ne parliamo: Claudio Ranieri, 65enne passato alla storia come “l’eterno secondo”, un personaggio limitato che, nel corso della sua carriera, non è mai stato in grado di vincere un titolo che contasse per davvero.

 

Ora, la realtà dei fatti prevederebbe un team spacciato (o quasi) il cui unico scopo sia quello di fare bella figura nel campionato più difficile del mondo, la Premier League.

 

Invece, sotto gli occhi increduli di tutta Europa, quella stessa realtà viene superata da un sogno innominabile, trasformandosi in leggenda.

 

All’inizio della stagione, infatti, i Foxes (come vengono soprannominati dai rispettivi tifosi), iniziato ad ottenere vittorie su vittorie, conquistando punti importanti che la proiettano, nei primi mesi, in cima alla classifica.

 

Sarà l’entusiasmo del momento, pensa qualcuno. Crolleranno presto, sperano altri. Assolutamente no.

 

Il Leicester, squadra operaia formata da uomini ancor prima che calciatori ed allenati da un padre ancor prima che da un professionista, tracciano un percorso incredibile, portando a casa vittorie clamorose contro squadre assolutamente più accreditate.

 

Il risultato? A tre partite dalla fine, i Foxes si trovano a +7 dal Tottenham, diretto contendente per il titolo. Il Leicester pareggia contro il Manchester United, il Tottenham pareggia contro il Chelsea.

 

E’ finita. Per la prima volta nella storia del calcio europeo una squadra senza capitale vince il campionato più importante di tutti. Claudio Ranieri, considerato un perdente, entra di diritto nella Hall of Fame dei mister più importanti della storia. Jamie Vardy, centravanti del team, ex operaio sconosciuto ai più, viene addirittura convocato in Nazionale tanto che il regista Adrian Butchart comincia ad elaborare un film sulla sua storia. 

 

Come affermato in precedenza, i significati nascosti di un risultato tanto eclatante, se non ci si sofferma sulla mera considerazione calcistica, sono determinanti e rappresentano un esempio da seguire nella vita quotidiana delle persone.

 

Il messaggio è semplice: never give up. Sogna, perchè sognare è il succo della vita. Perchè sognare ci spinge ad alzarsi ogni mattina per affrontare il mondo esterno, costellato di pericoli ma pieno di opportunità. Sogna, perchè sognare è la cosa più bella. E pensa in grande, perchè tu vali più di ogni altra persona, perchè tu puoi raggiungere traguardi inimmaginabili, guardarti alle spalle e affermare: ce l’ho fatta. 

 

Saying to yourself it’s not over, UNTIL I WIN.

 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.