News

Maturità 2016: il primo step per diventare un Future Manager

maturità

 
 

Oggi, mercoledì 22 giugno 2016, iniziano ufficialmente gli esami di maturità in tutte le scuole secondarie d’Italia.

 

Come da prassi, l’iter prevede due fasi: una prima sessione composta dalle “famose” tre prove, ovvero tema + matematica/ latino (a seconda dell’indirizzo) + terza prova (un insieme di domande sul programma svolto durante l’ultimo anno scolastico) ed una seconda sessione costituita dal famoso esame orale.

 

Ora, se mai vi doveste chiedere la ragione per cui abbiamo deciso di redigere un pezzo che si occupasse dell’esame di maturità nonostante la linea editoriale sia rivolta esclusivamente ai giovani laureati, ecco la risposta: la scalata verso il completamento di se stessi e verso quel sogno che ognuno di noi porta nell’animo parte proprio da qui. 

 

La maturità segna un “punto di non ritorno“, il primo traguardo da raggiungere per diventare dei Future Manager.

 

Ognuno di noi, infatti, per poter cavalcare un percorso formativo universitario, deve necessariamente aver compiuto quella che banalmente potrebbe essere definita “iniziazione”, un primo step verso la maturazione dell’individuo dal punto di vista lavorativo.

 

Tutti noi, più o meno giovani, abbiamo provato quelle stesse emozioni che oggi migliaia di studenti sentono dentro di loro: paura, attesa, ansia, stanchezza e, perchè no, l’entusiasmo di essere coscienti del fatto che, in un modo o nell’altro, termina una fetta importante della nostra vita.

 

E’ li, in quel determinato momento, che tutto comincia, il primo mattoncino verso la costruzione di una figura stabile, concreta, che sarà capace, negli anni, di sviluppare una forza in grado di festeggiare momenti di gloria e sopportare fallimenti temporanei. 

 

A questo punto, la redazione del Chronicle ci tiene a fare un enorme in bocca al lupo a tutti voi, ragazze e ragazzi: i manager del futuro siete voi. 

 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.