News, Tecno-news

Twitter in calo: cessione in vista?

Secondo alcune indiscrezioni, Twitter potrebbe essere venduta entro il 2017.

Il principale competitor di Facebook, infatti, sta vivendo una situazione finanziaria sull’orlo del precipizio: il valore di mercato è crollato, passando da 23,5 miliardi di dollari a poco più di 10.

Inoltre, nel primo trimestre del 2016, il fatturato è risultato essere al di sotto delle aspettative, con una perdita di circa 80 milioni di dollari.

Di dati ufficiali, per ora, non ce ne sono, tanto è vero che il CEO Jack Dorsey non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione fino ad ora.

Tuttavia, se le condizioni dovessero essere queste, Twitter avrà la necessità di essere acquistata da enti più solidi, quegli stessi competitor che non vedono l’ora di mettere le mani sul prodotto nato nel marzo 2006 dalla Obvious Corporation di San Francisco.

In particolare, i possibili acquirenti sarebbero:

  • Google: candidato principale, in quanto già parzialmente integrato con la piattaforma. Il problema principale è legato alla situazione complicata con l’antitrust, che ha accusato il principale motore di ricerca al mondo riguardo l’utilizzo di AdSense, Shopping e Android.
  • Facebook: per Zuckerberg sarebbe l’occasione ideale per “spazzare via” il suo unico competitor. Il progetto prevederebbe un’integrazione “separata”, lo stesso meccanismo utilizzato con Instagram, Messenger e Whatsapp: piattaforme separate, CEO unico.
  • Microsoft: nonostante l’appetibilità di acquistare un Social importante come Twitter, l’azienda guidata da Satya Nadella risulta essere indietro rispetto ai principali “candidati”, considerando il lungo processo di integrazione con Linkedin.

Altre aziende potenzialmente interessate sono Amazon e Apple, anche se al momento non ci sarebbero aperture da un punto di vista della compatibilità con un Social Network così lontano dalle basi delle imprese sopra citate.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.