News, Notizie dal mondo, Speciale Elezioni USA 2016

USA 2016: i punti chiave di Hilary Clinton

Settimana scorsa abbiamo parlato della Convention dei Repubblicani e di quelli che saranno i progetti della campagna elettorale di Donald Trump.

Per quanto riguarda i Democratici, invece, la Convention generale inizierà oggi a Philadelphia.

A tal proposito, la Repubblica ha pubblicato un interessante articolo riguardo le parole chiave che dovranno essere utilizzate da Hilary Clinton per ribaltare una situazione che, oggi, vede il suo avversario in vantaggio di 5-6 punti percentuale.

Noi ve le proponiamo qui:

  • Autorevolezza: qualora venisse eletta, la Clinton sarebbe non solo la prima donna Presidente degli Stati Uniti bensì anche la prima donna Comandante supremo delle forze armate a stelle e strisce. Una generale in tutti i sensi.
  • Credibilità: Progetti e proposte credibile: in questo momento due americani su tre non si fidano di lei.
  • Empatia: Come affermava il papà, l’elettore vuole votare per qualcuno che “feel your pain”. Hilary dovrà essere in grado di generare un rapporto con il popolo americano, oggi ancora troppo labile.
  • Immigrazione: Accoglienza intelligente e integrazione. Queste sono le armi che la Clinton ha a disposizione contro Trump, che fa della xenofobia isolazionista uno dei suoi principali cavalli di battaglia.
  • Onestà: Dire la verità. Cosa che, fino ad oggi, non le è stato facile.
  • Ottimismo: contro la visione dolorosa della società di Trump, la Clinton dovrà parlare di speranza e di ottimismo, focalizzandosi su ciò che oggi funziona grazie ad Obama e che bisognerà migliorare.
  • Passione: Oltre alla preparazione politica, deve trasparire quella stessa passione politica che Trump sprizza da tutti i pori.
  • Visione: La propria visione del futuro, in circostanze così confuse come quelle di oggi, sarà fondamentale. Trump lo ha fatto, ed è chiara. Hilary Clinton, invece, non ha ancora battuto questa strada.
  • Sicurezza: Come affrontare il terrorismo? Trump è stato chiaro, fuori tutti e più sicurezza. D’accordo o meno, la sua proposta è arrivata. La Clinton, dal canto suo, dovrà essere in grado di far trasparire un animo rassicurante per l’intera nazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.